La richiesta di proibire la musica rock

26 febbraio 2017

Ex musicisti rock della città di Saratov fanno la raccolta delle firme per la petizione online, indirizzata al Presidente russo Vladimir Putin, chiedendolo di vietare la musica rock in Russia. Ex membri di gruppi rock oltre il divieto di musica rock richiedono di vietare anche la pornografia e cosiddetti “i gruppi di morte” nelle reti sociali. Loro sostengono che la musica rock provoca l’uso di droghe, perverse unioni sessuali, violazioni dei rapporti umani e la diffusione dell’anarchia. Tranne il Presidente, la petizione è indirizzata al Ministro della Cultura e il governatore della regione di Saratov.

I dati statistici e gli esperti imparziali confermano l’influenza di questa musica decadente. I frutti innanzitutto si vedono sulla nuova generazione. La petizione obbliga Russia davanti alla scelta: vuole avere una futura generazione di tossicodipendenti, alcolizzati, senzatetto, pervertiti sessuali che vivono in media 35 anni, o generazione morale degli individui responsabili che traggono la loro forza dal rapporto con Dio e servono al popolo.

Appello al pentimento all’Europa /Ai rappresentanti degli Stati membri dell’Unione Europea/ (+ video)

il 7 marzo 2017

Ai rappresentanti degli Stati membri dell’Unione Europea

Nuovo capo del Parlamento Europeo ha informato che in breve tempo in Europa arriveranno 20 milioni di immigranti dall’Africa. L’onda di immigrazione contiene sopratutto i giovani musulmani da 18 a 35 anni d’età. Se ciascuno di loro porterà con sé la moglie, saranno altri 20 milioni. Se questa famiglia ha, ad esempio, solo tre figli (anche se famiglie musulmane hanno circa 8 figli), allora in un breve tempo in Europa si troveranno 100 milioni di arabi e di africani. Inoltre, arrivo degli immigranti (e non solo quelli africani) continuamente cresce. Da Afganistan arrivano il 70% totalmente ignoranti “restauratori” d’Europa. Giovani musulmani non sono profughi. Secondo loro religione il loro programma è jihad. Ogni musulmano è guerriero dell’islam.

A loro si tratta della sottomissione dell’Europa alla legge di sharia. Qui li portano con uno scopo ben preciso. Una buona previdenza economica, loro vestiti ed anche indicazioni come agire testimonia di un alto livello di loro organizzazione. Il numero di questi jihadisti migrati sarà talmente alto che non devono aspettare che loro quantità aumenti in più volte attraverso la nascita di figli. Già ora, se avranno tra le mani le armi, possono sottomettere a loro intera Europa. La polizia e l’esercito non agiscono contro loro, poiché i governi degli stati si sottopongono clandestinamente alle elite sovranazionali. Ad esempio, in Germania la stessa pubblicizzazione del crimine degli islamisti viene punita con incarceramento per 5 anni, ma crimini degli islamisti, al contrario, non indagano e non puniscono.

La lettera ai rappresentanti degli Stati membri dell’Unione Europea

7 marzo 2017

Ai rappresentanti degli Stati membri dell’Unione Europea

Onorevoli rappresentantidegli stati membri dell’Unione Europea,

Il papa Francesco vi ha invitati in Vaticano per il 24 marzo del 2017,alla vigilia di Summit dell’UE, al quale dev’essere stabilità una nuova direzione dell’UE dopo il Brexit e dopo elezione del Presidente Trump negli USA.

Chi è “papa” Francesco e quali priorità lui sostiene?

Secondo la bolla dottrinale Cum Ex Apostolatus Officio Francesco è l’eretico ed apostata ed occupa l’ufficio papale illegalmente! Attualmente i cardinali della Chiesa Cattolica esigono le sue dimissioni e in tal modo rappresentano la richiesta di maggioranza dei cattolici. Secondo le leggi di Dio (Galati 1, 8-9), Francesco provoca sui cristiani non la benedizione, ma la maledizione di Dio.

Le priorità di Francesco:

1. L’islamizzazione d’Europa, e con ciò la distruzione del cristianesimo e della civiltà cristiana.

Appello a Francesco Bergoglio di abbandonare il governo papale

17 novembre 2016

Il Patriarcato Cattolico Bizantino, che attualmente è la voce che grida nel deserto, appella con questo Francesco Bergoglio di abbandonare il più presto possibile il governo papale, seguendo l’esempio di Benedetto XVI. Secondo la bolla dottrinale di papa Paolo IV Cum ex Apostolatus Officio Bergoglio non è stato mai e non è il vero papa. Su di lui grava l’anatema, la scomunica dalla Chiesa, la maledizione di Dio a causa delle eresie secondo Galati 1, 8-9. Francesco è medium di elite e banchieri sovranazionali, che si sono consacrati a satana e promuovono l’olocausto dell’umanità riducendola ad “un miliardo d’oro”. Il Patriarcato già prima lo appellava al pentimento (http://vkpatriarhat.org.ua/en/?p=12925). Francesco ha respinto il pentimento. Perciò, almeno ora, prima di abbandonare il governo, chieda umilmente il perdono ai cattolici ingannati, i quali a causa sua sperimentano la vergogna e quali lui pubblicamente ha compromettato e pienamente discreditato. Almeno con questo ricupererà tutti scandali causati e contemporaneamente pubblicamente condanna le eresie. Allora potrà in solitudine prepararsi alla morte per poter sfuggire alla perdizione eterna nell’inferno.

Per quanto riguarda il suo appello di accogliere i musulmani in ogni parrocсhia, in ogni convento ed in ogni santuario – questo è un crimine contro la Chiesa.

Italia, alzati alla preghiera e fa la penitenza!

9 novembre 2016

Questo dice il Signore tuo Dio, Gesù Cristo:

Io tutti quelli che amo li rimprovero e li castigo. Mostrati dunque zelante e ravvediti.

Ecco, sto alla porta e busso… (Ap 3,19-20).

Cari cristiani di nazione italiana!

Dio ha donato al vostro Paese molti santi: San Benedetto, San Francesco d’Assisi, Santa Chiara, San Francesco di Paola, Santa Rita, Santa Caterina da Siena, i martiri dei primi secoli e molti altri. Ognuno di loro ha giocato un ruolo chiave che ha cambiato la storia della tua nazione e dell’Europa intera. Che dire sulla fede incrollabile di San Giovanni da Capestrano il quale con le sue prediche portava alla penitenza i fedeli delle città italiane. I credenti, dopo tali prediche, bruciavano, sulle piazze principali, i simboli dei loro peccati e della loro vita viziosa. Le donne gettavano via i loro ornamenti femminili, gli uomini rinunciavano allo spirito d’inimicizia e di vendetta. Le città, conosciute per loro rivalità, scontri sanguinosi e incendi, diventavano come agnelli miti. Quanti furono i giovani infiammati e spinti da lui a consacrarsi al servizio di Dio! Grazie a San Giovanni da Capestrano, i cristiani riportarono, nella battaglia presso Belgrado, la vittoria contro l’esercito musulmano, che si lanciava contro l’Europa. Purtroppo, la gerarchia cattolica attuale chiamerebbe quel santo un fondamentalista intollerante e con tutta probabilità lo dichiarerebbe malato di mente. E che dire dei meriti del beato Marco d’Aviano che unì i cristiani che, in seguito, a Vienna, vinsero in battaglia i musulmani condotti da Kara Mustafa, che voleva umiliare Roma e la cristianità intera con la spada, perché – secondo lui – tutto doveva essere sottoposto al Corano.

Giustizia minorile – l’autogenocidio di Russia

21 novembre 2014

Ai deputati di Duma della Federazione Russa

 

Onorevoli Deputati della Duma di Federazione Russa!

Il 12 novembre del 2014 in Duma di Federazione Russa hanno registrato criminale disegno di legge n. 649934-6 che introduce la cosiddetta giustizia minorile (O.J.Batulina).

La domanda fondamentale: quali frutti porta la cosiddetta giustizia minorile?

Qui non si tratta dell’educazione del minorenne ma della sua distruzione morale e psicologica! Si tratta dello crimine contro l’umanità. Deformato spiritualmente il bambino diventa omosessuale, transessuale, tossicodipendente,… Con i crimini più gravi farà la vendetta alla società che ha permesso il sadismo spirituale. Infine, quello storpio spiritualeaggravato dagli crimini e dal male finirà con l’eutanasia di suicidio.

Giustizia minorile – l’autogenocidio di Russia

Ai deputati di Duma della Federazione Russa

Onorevoli Deputati della Duma di Federazione Russa!

Il 12 novembre del 2014 in Duma di Federazione Russa hanno registrato criminale disegno di legge n. 649934-6 che introduce la cosiddetta giustizia minorile (O.J.Batulina).

La domanda fondamentale: quali frutti porta la cosiddetta giustizia minorile?

Qui non si tratta dell’educazione del minorenne ma della sua distruzione morale e psicologica! Si tratta del crimine contro l’umanità. Deformato spiritualmente il bambino diventa omosessuale, transessuale, tossicodipendente,… Con i crimini più gravi farà la vendetta alla società che ha permesso il sadismo spirituale. Infine, quello storpio spirituale aggravato dai crimini e dal male finirà con l’eutanasia di suicidio.

Appello ai deputati e al popolo italiano: fermate i crimini gravissimi contro i bambini e contro il popolo

Leopoli (Ucraina), 30 gennaio 2014

Oggi in Italia sotto i termini “umanistici” della lotta per i diritti umani e la libertà si incarna la più abominevole forma di tirannia sui bambini e cittadini. Ormai da alcuni anni il governo italiano si sta sforzando per la legalizzazione di gender-ideologia la quale tutte le forme di perversità sessuali mette allo stesso livello del rapporto intimo naturale tra l’uomo e la donna. Non solo: queste perversità sessuali nomina come “orientazione sessuale” e le dà lo stato dei “diritti umani”. Chiunque volesse opporsi a questo sarà accusato di fobia.

Il governo italiano ha eliminato l’uso delle parole “padre” e “madre” nella documentazione statale dimostrando con questo sua politica antifamiliare. Oggi con la legalizzazione di gender-ideologia vengono eliminate parole “marito” e “moglie” e sostituite dal termine “coniugi” distruggendo così pienamente unico sano rapporto tra l’uomo e la donna. Varie forme di perversità sessuali sono più importanti per il governo italiano dalla cellula principale della società che è la famiglia – il rapporto naturale tra l’uomo e la donna. La società che sta liquidando la famiglia è condannata alla rovina.

Scegli la lingua

Ricerca nel sito

 

maggio: 2017
L M M G V S D
« apr    
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31  

Parola di Vita

“Voi infatti siete stati salvati per grazia, mediante la fede, e ciò non viene da voi, è il dono di Dio, non per opere, perché nessuno si glori.”

Ef 2, 8-9 (21/V/17 – 4/VI/2017)